Trips

A metà strada – cosa vedere a Washington

Sono tre settimane e un paio di giorni che sono qui e probabilmente passeranno altrettanti giorni, prima di arrivare a casa.
In questi momenti bisogna fare un punto della situazione, per capire, cosa si è fatto bene e cosa si potrebbe cambiare. Perché sono ancora in tempo.
Le prime due settimane sono andate via molto presto, forse ho realizzato troppo di essere in un posto diverso. Ogni giorno avevo nuovi input, che prende un sacco di energia. Ma non ero mai stanca di uscire ad avere altro input nuovo, nonostante ciò cercavo di stabilire i miei limiti e i miei abitudini – come se in un posto, dove uno sta da due settimane, ci potrebbero esserci degli abitudini. Volevo fare ogni cosa tutti i giorni.
Andare a correre – tutti i giorni
Andare a pranzo – tutti i giorni
Uscire per almeno una mezz’ora per vedere qualcos’altro – tutti i giorni
Non si vive così. Ed è questo il punto. Io non vivo qui. Quindi anche se cerco di vivere quest’esperienza, come se vivessi qui, devo realizzare che veramente sono solo sposta qui per un minuscolo lasso di tempo e devo diventare una spugna, a prendere tutto quello che posso, per poi rilasciare nel mio ambiente solito poco a poco. Così cambiando il mio ambiente ed infine AVERE l’esperienza e non solo subirla. Non è mica facile. Chi dice di averne potuto fare di più, probabilmente è innocentemente ignorante o semplicemente arrogante.
Ho iniziato con il Cherry Blossom Festival

Cherry Blossom Festival – Parade

Poi sono andata a Georgetown

Georgetown

ho visto Anapolis

Easter 2011 – Annapolis

ma sono andata in giro anche qui vicino,

Herndon, Virginia

Sono stata nel National Portrait Gallery

Washington – National Portrait Gallery

e per certo durante la settimana ho lavorato. Tanto. Francamente l’immagine che ho visto di più in queste tre settimane, è stato questo:

Ogni tanto 10, ma ogni tanto 13-15 ore al giorno, sempre a casa. Alla fine sono qui per questo, per lavorare, no? Chi dice o chiede, perché non sono andata a lavorare da un Starbucks…insomma, l’idea mi è venuta in mente, alla fine mi sono decisa di passare la settimana nel mio cubo, per poi non lasciare perdere niente durante il weekend.

E quindi vediamo, cosa mi rimane.
Mi rimangono altre tre settimane circa.
Spero di riuscire ad arrivare a Philadelphia per un intero weekend, se avrò ancora l’ultimo weekend a disposizione
Ho prenotato una visita per il Pentagono
E per il Capitol Building. (La Casa Bianca è difficile da visitare, ci vogliono 10 persone della stessa nazione – si organizza tramite l’ambasciata del paese di provenienza, e almeno 28 giorni prima bisogna prenotare.)
Avrò una visita guidata nella Galleria Nazionale dell’Arte grazie alla mamma del mio cognato. E poco più. No Cascata di Niagara, no New Orleans, no Boston, ma neanche allo zoo so, quando potrei andarci.
A Washington vorrei andare per vedere Mount Vernon, la parte del Dupont Circle, il reading room del Library of Congress.

E ho solo tre settimane.

Standard

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s