Trips

Justice has been done

VIDEO: Supporters Outside Pres. Bush House from SMUDailyMustang.com on Vimeo.

“The fight against terror goes on, but tonight America has sent an unmistakable message: No matter how long it takes, justice will be done.” – Obama

Rudy Giuliani sta ora raccontando, com’è ha appresa la notizia – leggendo sul CNN il banner…voglio dire, allora io quasi uguale a Giuliani? No, perché lui leggeva un libro, io stavo facendo il pranzo.

Ora Tony Blair racconta con il suo intelligente americano – actually British – che era un “tremendous achievement” e che “President Obama got it right”.

Non è un blog politico, anzi. Cerco di parlare di tutt’altro, ma questa è una notizia altroché Kate Middleton e William. (un piccolo tecnologico freakness che uno su twitter senza sapere la verità ha scritto sugli eventi in diretta)
“we experience the same sense of unity as on 9/11….there is a pride, what this nation stands for….” come mi sussurra Obama nell’orecchio il CNN su uno speciale di Pierce Morgan.

È questo è che conta (per me in questo blog). Qui si sentono le comunità, le unità, i batti-cinque, le persone che ora sono al Ground Zero a festeggiare….

Gente che dice che America se la fa facile, perché sul suo territorio non c’era guerra dai tempi del Civil War, deve farsi i conti com’è, quando un paese si sente in guerra, quando 40 000 truppe sono in Afganistan, quante persone sono quelle e che qui si fanno veramente pensieri per quei soldati. Non passa giorno che non se ne parla, non c’è elezione, dove non ci sia una decisione su una qualsiasi guerra, ultimamente Libia ha richiamato l’America per più aiuti ed America ha detto no, rimangono sui fronti, dove sono, cioè tra l’altro proprio in Afganistan contro il terrorismo.

La pace non è un’emozione, dicono. Quindi deduco che serve la guerra per sentire la pace? Come, quando uno scrive con lettere maiuscole SPORCO su una macchina, proprio quel sporco circoscrive il pulito. Il Yin e Yang, quindi dopo 10 anni di guerra una piccola vittoria, per non mollare ci si crede di aver sconfitto il male, come nei film americani – hach guarda caso, americani -, in cui muore poi il cattivo, il film finisce presto, ognuno butta via i sacchetti del popcorn prima di pensare che ci sono i vice cattivi….(ci penseranno poi i produttori con la serie fino alla puntata 5, e dopo la morte del buono per fortuna abbiamo varie possibilità dalla reincarnazione alla “facciamo le puntate del passato”)

Stamattina la grande notizia, che il governo pakistano ha confermato di non essere stato presente nell’operazione di catturare Osama, quindi vittoria tutta americana, e guarda, leggendo le facce su CNN che raccontano sui figli morti del 9/11, per il terrorismo, io gliela lascio questa vittoria, per il 9/11, per gli anni che non hanno mollato prima di capire, dove cavolo poteva essere questo Geronimo.

Allora in una settimana, God Save the Queen e per certo God Bless America!

Standard

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s