Trips

Heureka, victoria, batti cinque, yeah!!!

Ci siamo! Finalmente stanotte dormo tranquilla e da domani posso scrivere su temi diversi, tipo: a cosa fare particolare attenzione, quando uno fa un viaggio per la prima volta in Asia. Allora eravamo rimasti, che atterriamo a New Delhi, che dopo due giorni andiamo a Jodpur, che poi lasciamo per arrivare a Jaipur, di dove partiamo per Agra e dopo andiamo fino al Gange per vedere il tramonto e poi….non sapevamo, dove andare. Ora però: abbiamo trovato una fiera di bestiame che si svolge per circa un mese nella regione di Bihar, nel paesino di Sonepur, vicino a Patna. Sonepur, cioè la fiera del bestiame sembra veramente autentica, la prima cosa che abbiamo letto su questa fiera, era:

Pochi turisti si avventurano nel Bihar, lo Stato più povero dell’India, per quanto possieda aree di grande bellezza naturale e importanti monumenti e luoghi di culto, soprattutto buddhisti.

Tutto ciò a causa del banditismo diffuso, della guerriglia di tipo maoista che interessa soprattutto la parte meridionale dello Stato, dell’instabilità politica con frequenti scioperi e dimostrazioni e della carenza di infrastrutture turistiche. Si sono verificate rapine a danno di autobus turistici o macchine private, fermati da falsi poliziotti, finti lavori in corso o incidenti simulati.

Per ridurre il pericolo, il governo del Bihar ha promesso una scorta armata a tutti i turisti stranieri, che può essere ottenuta, se richiesta con un po’ di perseveranza, dalla polizia.


Fortunatamente abbiamo trovato un sito del governo di Bihar che offre una specie di scorta o almeno similmente fa viaggi organizzati nella zona di Sonepur.
Ora aspettiamo solo che ci confermino la nostra richiesta. È una cosa molto particolare anche questa, che dall’India è molto difficile anche avere una conferma per la prenotazione di un albergo in un modo ufficiale. Quasi quasi tentiamo sempre di prenotare tramite il booking.com.
Abbiamo prenotato però tipo in un albergo, conosciuto e confermato da Lonely Planet, che come conferma ci ha mandato solo una mail da un’indirizzo yahoo, dicendo “confirmed!”.  Sì, certo, l’essenziale c’è, ma potrebbero essere anche più seri, o più professionali, no?
Da questo Patna volevamo andare poi a un parco nazionale, che sta in mezzo della regione Bihar e si chiama Betla, e che sarebbe uno dei primi parchi nazionali dell’India, ma poi guardando un po’ meglio le notizie anche poco recenti, abbiamo trovato nel Times of Pakistan una notizia su maoisti, di cui nove proprio in questo parco sono stati uccisi dalla polizia indiana. Insomma, va bene una vacanza avventurosa, ma vorrei avere paura dei tigri, non di maoisti, se possibile. Quindi il parco nazionale e il viaggio al dorso d’elefante cancellato.
Bihar  sembra di nascondere comunque molte cose interessanti. Vicino a Patna, a Bodh Gaya c’è l’albero, dove Siddharta si è seduto per arrivare alla nirvana e diventare Buddha. Speriamo di riuscire ad organizzare qualcosa, strettamente con agenzia però.

Da Patna andiamo  a Kolkata, come previsto. Da lì facciamo forse un viaggio a Digha Beach, che dovrebbe esser DAVVERO un posto poco visitato dai turisti.
È tanto difficile anche trovare un albergo in quella zona, che sarebbe così:

Sì, in effetti, altro che Riccione, qui veramente non c’è niente, se non il tanto citato bellissimo tramonto, di cui gli Indiani vanno così fiero in Varanasi, nell’Himalaya, in ogni città, dove vogliamo andare insomma.

Da Kolkata, che sarà comunque la parte colonniale del viaggio torniamo a New Delhi e da lì di nuovo a Milano….

Ecco, l’immagine del nostro viaggio per l’India

Standard

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s